MATERIA OSCURA

Secondo la mia teoria della presenza del nucleotone, la materia oscura si annida nel centro di ogni atomo, al centro di tutte le stelle e galassie. Poi ci sono i veri e propri buchi neri che sono materia accumulata già dal big bang. Quando le stelle bruciano non fanno altro che consumare materia allo stato puro. La cromosfera con i suoi raggi di calore proiettano luce oltre che all’esterno verso i pianeti ma anche verso il suo centro. La luce impiega almeno tre secondi per arrivare al nocciolo della stella. La stessa gravità spegne la luce ma il suo calore arriva alla materia oscura che libera ulteriore massa che da meno 273 gradi passa magari a meno 200 gradi ed esplode in energia termica che salendo su alla cromosfera porta tanti granellini grandi e piccoli. Quelli più piccoli occupano il centro nucleotonico dei quanti spaziali tipo idrogeno elio o carbonio. Gli atomi più grandi poi diventeranno più complessi, da otto elettroni in poi si creerà l’ottetto. piombo, plutonio avranno 9-10 quanti-matriosca ma tutti con lo stesdo ottetto che spiegherà nella chimica le valenze elettroniche. Tutta qui la vita di una stella. Ma vediamo ora come si ritorna a ripristinare un elettrone nascosto sotto forma di energia oscura dallo spazio.
Quando si mette in moto un gruppo elettrogeno il magnete insieme all’avvolgimento di un conduttore di rame cattura energia dai quanti spaziali la trasforma in materia oscura creando cosi elettroni. Sappiamo farne oggi buon uso di questo corpuscolo. Lo possiamo accelerare e ritrasformarlo ancora in energia luminosa ma per arrivare a questo deve essere accelerato a 300 mila km al secondo. Oppure semplice forza magnetica a bassa velocità.

64 visualizzazioni totali, 3 visualizzazioni oggi

Commenti chiusi.